coliche neonato come riconoscerle e cosa fare
Post Parto e Cura del Neonato

Coliche Neonato: come riconoscerle e cosa fare

Coliche nel Neonato, cosa sono e quanto durano?

Le coliche nel neonato possono rendere molto difficili i primi mesi, così come possono rendere difficile la vita dei genitori, che si sentono impotenti di fronte all’inconsolabilità dei loro piccoli. Ma di cosa si tratta esattamente?

Con “coliche del neonato” (o coliche gassose) ci si riferisce a quel disturbo che comporta delle crisi di pianto inconsolabile in un bambino sano.

Questi momenti di crisi avvengono in maniera abbastanza periodica e prevedibile. Il piccolo, infatti, inizia a piangere più o meno nello stesso momento della giornata (spesso durante ore serali).

Le coliche sono abbastanza comuni nei piccini, tanto è vero che circa il 10% ne soffre nei primi mesi. Tuttavia, non devono costituire fattore di preoccupazione, poiché si risolvono spontaneamente dopo i 3-4 mesi di vita. Inoltre, è importante sapere che non costituiscono alcun pericolo per la salute e non compromettono la crescita del bambino.

Come riconoscerle?

Naturalmente, non bisogna pensare che ogni volta che il bimbo piange si tratti di coliche. Il pianto è, infatti, fisiologico nel piccolo. Ad esempio, un bambino che piange anche per due ore al giorno è da considerarsi assolutamente normale.

Per individuare più facilmente la presenza delle coliche, può esservi d’aiuto la “regola del 3”, coniata nel 1954 dal Dottor Morris Arthur Wessel, noto pediatra americano. Secondo questa regola, ci si trova davanti alle coliche se il neonato piange in modo inconsolabile per 3 ore al giorno, per più di 3 giorni a settimana e per almeno 3 settimane consecutive.

Altri sintomi che il bambino può presentare durante queste crisi, inoltre, possono essere:

  • La tendenza a diventare rosso in viso
  • Tendenza a stringere i pugni
  • e tendenza ad avvicinare le ginocchia alla pancia, inarcando la schiena

Certamente bisognerà rivolgersi al pediatra, affinché svolga tutti gli esami necessari per escludere altre problematiche ed eventualmente confermare i vostri sospetti.

Cause

Ad oggi, le cause che provocano questo disturbo non sono ancora ben chiare e definite. Ci sono alcune ipotesi a riguardo, ma nulla di certo.

Ecco alcune teorie sull’argomento:

  • Alcuni ipotizzano che le cause siano da attribuire ad un’eccessiva peristalsi intestinale, cioè ad eccessivi movimenti involontari dei muscoli dell’intestino, dovuti ad una maggiore produzione dell’ormone di motilina. Questa ipotesi sembrerebbe essere confermata dalla risposta positiva di alcuni bambini con coliche ai farmaci anticolinergici.
  • Secondo altri, alla base ci sarebbe un rapporto alterato madre-figlio. Sembra, infatti, che le coliche si presentino maggiormente in bambini con mamme più apprensive, iperprotettive o depresse. Tuttavia non ci sono dati che confermino questa ipotesi con certezza.
  • Un’altra ipotesi è quella che attribuisce la causa delle coliche alla presenza di gas intestinale, che potrebbe essere determinata da una produzione di aria intestinale o da una eccessiva ingestione di aria durante il pasto del bimbo. Ad oggi, però, un numero sempre maggiore di specialisti ritiene che non sia affatto così.
  • Altri ancora pensano che la causa potrebbe essere rappresentata da un’allergia al latte vaccino.

Nonostante le cause non siano ben chiare, ci sono comunque alcuni fattori che sembrano poter aumentare il rischio del presentarsi delle coliche. Ad esempio, i rischi potrebbero essere maggiori se ci sono state complicazioni durante il parto, oppure se la mamma ha fumato durante la gravidanza.

Rimedi

Come abbiamo già accennato, le coliche tendono ad andare via spontaneamente dopo un certo periodo di tempo. Ma nel frattempo, è possibile ricorrere ad alcuni rimedi per dare un po’ di sollievo al piccolo.

Per quanto riguarda i rimedi farmacologici, si può ricorrere a farmaci antimeteorici (la cui efficacia non è comunque dimostrata), farmaci anticolinergici, farmaci probiotici o a farmaci antispastici. In ogni caso, ricordate sempre che è molto importante consultare il pediatra prima di somministrare qualsiasi farmaco al vostro bambino.

Rimedi farmacologici a parte, esistono altri piccoli accorgimenti che possono dare sollievo al vostro bambino.

Certamente non si tratta di soluzioni definitive, in grado di far scomparire completamente le coliche. Ciò nonostante, possono essere di grande aiuto per lenire la sofferenza del piccolo.

Alcuni accorgimenti per dare sollievo durante le coliche nel neonato

Contatto fisico

Può sembrare banale, ma il contatto fisico è la base di tutto. Le coccole della mamma e del papà, le parole dolci, sono sempre di grande conforto al bambino, specialmente quando sta male. Tenete dunque il bimbo in braccio, appoggiatelo al vostro petto dal lato del cuore, cantategli una ninna nanna, sussurrategli parole dolci… Tutte queste piccole cose non faranno di certo sparire il problema, ma saranno certamente d’aiuto al vostro piccolo poiché gli farà sentire la vostra presenza.

Creare un ambiente contenuto

Un ambiente avvolto, contenuto, protetto, può essere di grande aiuto poiché va a ricreare l’ambiente dell’utero materno, facendo sentire il bambino al sicuro. A tal fine, potete semplicemente avvolgere il neonato in una coperta leggera, oppure arrotolare diverse lenzuola (o asciugamani) intorno a lui all’interno nella culla, in modo da creare una sorta di nido.

Usare i rumori bianchi

I cosiddetti “rumori bianchi” sono dei suoni che vengono riprodotti sfruttando tutte le possibili frequenze udibili. Con il loro ausilio si può ricreare in qualche modo l’ambiente rilassante dell’utero materno, infondendo nel piccolo un senso di sollievo. Alcuni esempi di rumori bianchi possono essere: il rumore dell’aspirapolvere, il rumore del ventilatore, il suono del mare, il brusio della radio non sintonizzata, ecc.

Effettuare dei massaggi

Come detto in precedenza, il contatto fisico è importantissimo. Un bel massaggio può avere effetti molto positivi sul bambino, poiché può favorire il rilassamento dell’addome e l’espulsione di gas accumulati. Per praticare un massaggino al piccolo, tutto quello che bisogna fare è posizionarlo a pancia in su ed eseguire dei dolci movimenti circolari sulla parte bassa del pancino. (Vi raccomandiamo di riscaldare le mani prima di eseguire il massaggio). Dopo il massaggio, il neonato si sentirà più rilassato, piangerà di meno e riuscirà anche a dormire meglio.

Ridurre gli stimoli fastidiosi

Stimoli fastidiosi, come ad esempio rumori troppo forti o luce troppo intensa, potrebbero rendere il neonato ancora più nervoso, peggiorando la situazione. Per questo motivo, cercate di evitare questi fastidi rendendo l’ambiente più rilassante possibile.

Fare una passeggiata

Un bel giretto (nel passeggino oppure in auto) può rappresentare un espediente semplice ma efficace per aiutare il bambino a calmarsi un po’.

Provare ad allattare il neonato in posizione eretta

Tenendo il bambino in posizione eretta mentre lo si allatta, si può ridurre la quantità di aria che deglutisce e, di conseguenza, la formazione di gas intestinali.

Utilizzare un biberon anti-colica

I biberon anti-colica possono essere dei validi alleati contro le coliche. Si tratta di particolari biberon, dotati di una valvola che svolge una doppia funzione:

    • Permettere al latte di fluire in modo lento e costante;
    • Mantenere una buona circolazione dell’aria all’interno del biberon stesso.
5,99€
9,99
disponibile
18 nuovo da 3,05€
2 usato da 3,98€
Amazon.it
Spedizione gratuita
22,99€
non disponibile
3 nuovo da 22,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
46,08€
non disponibile
3 nuovo da 46,08€
Amazon.it
Spedizione gratuita
39,90€
non disponibile
6 nuovo da 39,90€
3 usato da 22,66€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il Settembre 15, 2019 12:59 pm

Grazie a questo sistema, il piccolo andrà ad ingerire meno aria e la formazione di gas intestinali risulterà ridotta.

Qualche piccolo consiglio

Prendersi cura di un bebè con le coliche, può essere una situazione davvero stressante e difficile da gestire. Nonostante gli innumerevoli sforzi, è possibile che ad un certo punto possiate sentirvi sopraffatti, giù di tono o frustrati. E’ del tutto normale, non c’è nulla di male in questo! Sentirsi impotenti di fronte alle sofferenze del proprio bambino non è mai una cosa semplice da affrontare, ma c’è una cosa che dovete ricordare: non è colpa vostra.

Per questo motivo, se ad un certo punto avrete bisogno di staccare la spina… fatelo! Prendetevi una piccola pausa, chiedendo aiuto al vostro partner o ai vostri cari per occuparsi del piccolo. Fate un riposino, una passeggiata, prendete un po’ d’aria… insomma, cercate di rilassarvi. Anche fare due chiacchiere con qualcuno potrebbe esservi di grande aiuto.

Ricordatevi che, se decidete di fare una pausa di un’ora o due per riprendere fiato, questo non farà di voi cattivi genitori! E’ anzi importante che, oltre a prendervi cura del vostro bambino, vi prendiate cura anche di voi stessi.

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *