19 settimana di gravidanza
Calendario Gravidanza

19a settimana di gravidanza

La 19a settimana fa ancora parte del periodo di benessere della gravidanza. Le future mamme continuano a sentirsi piene di energia. Ma andiamo a vedere cosa succede più nello specifico.

Il bambino diventa sempre più attivo! E’ sempre in movimento, agitando mani e piedi e ruotando nel suo spazio.

Nel frattempo, lo sviluppo del cervello e del sistema sensoriale continua costantemente. E’ proprio in questo periodo che inizieranno a svilupparsi i sensi del piccolo e il suo sistema immunitario.

Inoltre, il piccolo dorme per circa 20 ore al giorno, poiché il sonno è importantissimo per il suo sviluppo. In questa fase della gravidanza fanno la loro comparsa i sogni. Ebbene sì, il piccolo inizia già a sognare! Naturalmente, il contenuto dei sogni riguarderà le sensazioni che il bambino percepisce dal pancione della mamma, come ad esempio la sua voce o il battito del suo cuore.

Per quanto riguarda la mamma, invece, in questo periodo si nota solitamente una pelle più luminosa e rosea. Allo stesso tempo, però, diventa anche più sensibile. Per questo motivo è importante proteggerla e idratarla quotidianamente. Poiché il corpo produce una maggiore quantità di melanina, la protezione è particolarmente importante al fine di evitare la comparsa di macchie scure (cloasma).

E’ possibile che la futura mamma inizi a soffrire di dispnea, cioè che avverta una certa difficoltà a respirare. Non si tratta però di qualcosa di preoccupante, poiché potrebbe dipendere dalla compressione degli organi interni, oppure da un’anemia. Ricordiamo che è molto frequente che un’anemia si presenti in gravidanza, quindi se i valori non sono troppo bassi, non c’è da allarmarsi.

Esami

Tra la 19a e la 21a settimana è possibile effettuare l’ecografia del secondo trimestre, detta anche morfologica. Grazie a questo esame, sarà possibile esaminare parametri come le dimensioni del bambino, il suo battito cardiaco, la quantità di liquido amniotico, ecc.

Sintomi della 19a settimana di gravidanza

I sintomi più comuni:

  • Aumento di peso sempre più evidente
  • Contrazioni uterine leggere
  • Disturbi circolatori
  • Cloasma
  • Emicrania
  • Naso congestionato
  • Insonnia
  • Pelle luminosa e rosea
  • Dispnea
  • Maggiore sudorazione

Gravidanza 19 settimane: cosa fare e cosa non fare

Ecco alcuni consigli per quanto riguarda i comportamenti da adottare durante la diciannovesima settimana di gravidanza:

  • Adottare un regime alimentare sano: E’ importante mangiare in modo sano ed equilibrato, ricordando di bere molta acqua e di assumere abbastanza fibre.
  • Iniziare esercizi di respirazione: Questo è il momento migliore per iniziare ad attuare gli esercizi di controllo della respirazione, poiché potrebbero rivelarsi particolarmente utili al momento del parto.
  • Corso preparto: Arrivati a questo punto della gravidanza, sarebbe opportuno prendere in considerazione l’idea di iscrivervi ad un corso preparto, soprattutto se si tratta della prima gravidanza.
  • Mantenere una buona igiene orale: Mantenere una buona igiene orale va sempre fatto, ma ora in particolare. Ricordate di sottoporvi a regolari controlli dal dentista, in modo da evitare carie e infezioni che potrebbero comportare danni per il bambino.
  • Svolgere attività fisica: Fare un po’ di moto è assolutamente consigliato, anche in gravidanza. In questo modo, potrete ottenere molti benefici per la circolazione, per la pressione sanguigna e per mantenere sotto controllo il peso. Inoltre, visto che il moto aiuta ad alleviare lo stress, anche il vostro umore ne risentirà positivamente. Naturalmente, bisogna praticare attività sportive “dolci”, come ad esempio camminare, nuotare o andare in bicicletta. Saranno invece da evitare gli sport che comportano uno sforzo eccessivo, così come il rischio di cadute e di possibili traumi all’addome.
  • Attenzione alle smagliature: Prendersi cura del proprio corpo, massaggiando seno e pancia con oli o lozioni nutrienti , sarà utilissimo per aiutare la pelle a rimanere elastica, prevenendo le smagliature.

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *